Techno Food 2.0 di Michele Zanoni

Milano EXPO 2015 e il suo tema “nutrire il pianeta, energia per la vita” diventano uno spunto di riflessione non solo sulle problematiche sottese a ciò che mangiamo ma anche sulla nostra illusoria libertà di scelta. Nel progetto Techno Food, presentato per la prima volta durante la Design Week, il cibo è un cibo tecnologico: in una serie di quadri dal forte richiamo alla pop art i loghi di alcune tra le major più note sono scomposti per poi creare nomi di frutti o altri alimenti. Sono aziende che talvolta non hanno a che fare direttamente con il cibo ma che influenzano comunque le nostre vite, determinando le nostre abitudini e le nostre scelte.

In un’epoca in cui le opere d’arte sono facilmente riproducibili e in cui si va incontro ad una virtualità sempre maggiore, le tele sono realizzate a mano: le imprecisioni del “fare umano” sono ironicamente in contrasto con le modalità della produzione industriale dove tutto è meccanizzato e perfetto.

Zanoni pone l’accento in modo critico sui meccanismi di produzione del cibo: gran parte dei prodotti che ci paiono naturali invece sono artefatti. Se abbiamo una sensazione di familiarità, questa è solo il risultato del bombardamento visivo, dell’eccesso di informazioni e dell’inquinamento cognitivo che ne deriva (infollution).

Tutto ciò fa sì non solo che i loghi delle aziende siano immediatamente riconoscibili, ma che risultino al contempo gradevoli, accattivanti proprio perché già noti. La loro impostazione geometrica è di conseguenza destrutturata: una volta perduto il valore del segno ciò che rimane è il senso archetipico dell’elemento e il richiamo fortissimo ad un inconscio collettivo. Si potrebbe paradadossalmente affermare che i quadri della serie Techno food esistono già nell’immaginario di ciascuno di noi e li riconosciamo quando li osserviamo per la prima volta tanto questi segni sono onnipresenti.

Michele Zanoni (Rovereto, 1965) si occupa di cose tra loro eterogenee. Prima di essere architetto, designer o artista visivo è un osservatore: in ogni processo creativo, sia che riguardi il design o la progettazione artistica, egli parte da un’attenta e acuta analisi di ciò che lo circonda, sperimentando materiali e tecnologie differenti. Vive e lavora a Milano.

Le opere di Michele Zanoni saranno visibili presso il nostro showroom dalle ore 17 di sabato 12 dicembre al 28 febbraio 2016.