Glass Cube By Ron Gilad

Una galleria, uno spazio di rappresentazione, un luogo dove raccontare la propria identità. Molteni&C affida a Ron Gilad il progetto Glass Cube, nel polo produttivo di Giussano.

Gilad reinterpreta i temi distintivi dell’identità aziendale: i materiali – il legno prima di tutto – la qualità, l’esperienza, la tecnologia, l’industria e l’artigianalità, i prodotti e le collezioni. Sperimenta nuove possibilità, osserva come un entomologo, al microscopio, decostruisce in frammenti per mettere a fuoco i dettagli.
Qui la visione ironica e provocatoria di Ron Gilad si posa sui grandi classici e sui pezzi contemporanei, e li reinterpreta manipolando forme e funzioni. Un divano? Sì, ma che si tuffa dal soffitto nello spazio, per vedere la realtà da un altro punto di vista. Un cassettone di Gio Ponti? Sì, ma tagliato in due, come la mucca sezionata da Damien Hirst, per scoprire com’è fatto e rivelarne l’anima tecnologica. I contenitori e le mensole disegnate da Gilad sono composte in modo geometrico, strizzando l’occhio a Donald Judd.

Cuore del progetto è una Wunderkammer, dove realtà e fantasia giocano a inseguirsi e a mescolarsi, attraverso la tecnologia multimediale delle proiezioni 3D mapping, in un ambiente sonoro site-specific, composto da Fabrizio Campanelli ed eseguito dalla Budapest Symphony Orchestra.